Truffa Agenzia Entrate via sms: come difendersi e frodi più pericolose

Truffa Agenzia Entrate via sms: come difendersi e frodi più pericolose

Francesco Cocca

Sms con minacce di sanzioni da 500 euro da parte dell’Agenzia delle entrate senza l’invio della documentazione richiesta. Tutto falso e che lo stesse entrate siano ovviamente estranee alla vicenda. Siamo davanti a un nuovo tentativo di phishing rispetto a cui il fisco italiano si è sentito in dovere di mettere in guardia i contribuenti. Come infatti rende noto, negli ultimi giorni sono stati segnalati dei falsi messaggi da mittenti riconducibili al fisco, come InfoSMS, Equitalia.
Negli sms viene comunicato l’arrivo di una raccomandata digitale che minaccia una sanzione amministrativa di 550,50 oppure 516 euro e si invita a produrre copia del passaporto e di altri documenti personali.
Ma come viene specificato, i messaggi non provengono da alcun indirizzo collegato all’Agenzia delle entrate o all’Agenzia delle entrate-Riscossione. Da qui l’invito a cancellarli, a non cliccare sui collegamenti presenti.

About Francesco Cocca

Consulente di sicurezza informatica per siti web, CMS, ecommerce, software gestionali. Presidente Ass. Cultura Facile (www.culturafacile.it) - frodionline.it - il portale d'informazione sulle fake news e sulla sicurezza informatica. Per contatti diretti: info@frodionline.it
Loading…